Serie A Femminile, l’ala dilettantistica del movimento messa tropo frettolosamente da parte da un professionismo d’assalto?

“La componente dilettantistica si è costruita nel tempo grazie a un mix fatto di passione, capacità, competenze, conoscenze, abilità professionali e relazionali. Un patrimonio cruciale, sostenuto anche dagli stretti legami intessuti con il territorio”.

Il Como Women, il Napoli Femminile e il Pomigliano Femminile sono le tre squadre di Serie A (una Superlega aperta asolo dieci club) a non essere cloni di un club maschile.

Oggettivamente l’ala dilettantistica ha un ruolo propositivo ancora molto rilevante nel calcio femminile, anche ai massimi livelli, per le esperienze accumulate nel tempo e per il capitale umano al quale fa riferimento.

Forse questa componente è stata liquidata troppo frettolosamente da una Figc, almeno fino a oggi e fino a prova contraria, inadeguata rispetto a una reale crescita del movimento rosa.

L’articolo che segue – di cui riportiamo il testo integrale – è stato pubblicato da Calciopress il 6 novembre 2021 👉🏽 QUI.

Sarebbe forse utile tenerlo a mente, a futura memoria?

==============

“La Serie A Femminile, l’ala dilettantistica e il suo capitale umano”
(Calciopress – 6 novembre 2021)

Mentre la Serie A è lanciata verso il professionismo risulta ormai chiaro che le due ali del movimento della Divisione Calcio Femminile, guidata da Ludovica Mantovani, non sono riuscite e non riusciranno a integrarsi.

Una criticità di fondo del sistema, che lascia spazio a qualche riflessione e suscita qualche rammarico.

➡️ Che fine farà l’anima dilettantistica, ormai ridotta ai minimi termini? Il capitale umano, dal quale tutto è partito, andrà disperso?

➡️ La componente dilettantistica si è costruita nel tempo grazie a un mix fatto di passione, capacità, competenze, conoscenze, abilità professionali e relazionali. Un patrimonio cruciale, sostenuto anche dagli stretti legami intessuti con il territorio.

➡️ Il capitale umano che la sottende ha un valore immateriale non misurabile con metodi scientifici. Di sicuro, però, ha a che vedere con la qualità delle prestazioni. Ne qualifica le potenzialità. Influenza i risultati a medio-lungo termine.

➡️ Un plusvalore che dovrebbe essere fatto proprio dall’ala professionistica, al fine di assicurare stabilità e sostenibilità al (difficile) attraversamento del guado al quale si appresta la Serie A Femminile.

➡️ Sergio Mutolo

You may also like

La rappresentativa Under 15 e il “Progetto Calcio +15”, veri incubatori delle Nazionali Femminili Giovanili: lo stato dell’arte

La crescita delle Nazionali Giovanili Femminili passa attraverso