Serie A Femminile, la 4a giornata conferma le gerarchie con l’eccezione Milan: il Napoli in evidente difficoltà

Al termine della quarta giornata di campionato le gerarchie della Serie A Femminile sono sempre più nette, a conferma delle (ovvie?) previsioni della vigilia. Le dinamiche del campionato sono già del tutto prevedibili. Un dato che non gioca a favore delle emozioni che il calcio dovrebbe suscitare nei tifosi.

POULE SCUDETTO. In testa a punteggio pieno la Roma che batte l’Inter al Tre Fontane continuando a macinare risultati (le 15 reti a fronte delle 3 subite parlano da sole) e la Juventus che tiene bene il passo anche in termini di differenza reti (travolge a Biella il Sassuolo e migliora il livello della differenza reti con 12/3). A quota 10 c’è la Fiorentina che sbanca Pomigliano: si conferma squadra quadrata, fluida, messa bene in campo da Sebastian de la Fuente e con una panchina di lusso (9/3). Le viola meritano un occhio di riguardo. Perde terreno l’Inter (5/4) ferma a quota 7 e che soffre molto in fase offensiva la partenza di una fuoriclasse come Chawinga (23 reti lo scorso anno), mentre Bugeja sembra non riuscire a decollare per i problemi fisici che la assillano da tempo. Non si ferma la favola Como, che ha collezionato finora 7 punti (5/6) e occupa la quinta piazza pur avendo dovuto ricostruire la rosa. Una gran bella novità per il calcio femminile della massima serie nazionale.

POULE SALVEZZA. Continua a deludere il Milan di Maurizio Ganz (nella foto), che ha raccolto appena 4 punti (3/5) e si è fatto bloccare a Seregno da un Como molto più motivato. La squadra rossonera paga sempre più lo scotto della partenza di Martina Piemonte, che penalizza in modo significativo la fase realizzativa. A quota 3 una Sampdoria messa insieme solo alla vigilia del torneo. Si deve dare atto a mister Mango di essere riuscito nella difficile impresa di amalgamare un gruppo che corre e non molla mai, come conferma la vittoria a Cercola contro le partenopee di Seno (differenza reti 4/8). Solo un punto raccolto finora dal Sassuolo di Piovani (3/9), travolto dalla Juventus. Chiara Beccari tarda a inserirsi e carburare. Le assenze per problemi fisici di alcune giocatrici importanti, non aiutano il club neroverde a decollare. Anche il Pomigliano (3/13) paga la rivoluzione estiva dell’organico e viene sotterrato di reti dalla Fiorentina a Torre del Greco (in un ‘Liguori’ desolatamente vuoto). Chiude mestamente la graduatoria il Napoli (1/7) ancora a secco di punti. Le azzurre hanno segnato una sola rete (con Elisa del Estal) e soffrono vistosamente la mancanza di gioco a centrocampo sia in fase di costruzione sia di filtro. La difesa, a sua volta non proprio esente da censure, è tenuta troppo sotto pressione e finisce per commettere errori (anche marchiani). Molto deludenti le prestazioni in avanti di Banusic e Lazaro. Due attaccati esperte prese per fare gol ma che, almeno finora, non stanno certo dando alla causa partenopea la mano che ci si aspettava. Tutt’altro.

You may also like

Il calcio femminile ha bisogno dei tifosi: il territorio è la vera ancora di salvezza per realizzare una crescita duratura del sistema

Il tifoso che va allo stadio sembrerebbe una