Una prestazione di grande sostanza della Nazionale Under 23 Femminile: a Vercelli Italia-Inghilterra 1-1

La Nazionale Under 23 Femminile pareggia a Vercelli contro l’Inghilterra. Se il match dello scorso anno a Roma era terminato 0-0, stavolta l’amichevole è finita con un gol per parte: alla sfortunata autorete di Marika Massimino (Ternana Women) ha risposto nella ripresa, con un movimento da grande attaccante, Alice Corelli (Napoli Femminile). In tribuna, tra gli altri, anche Paola Piola, figlia di Silvio, ex attaccante della Nazionale e campione del mondo del 1938 a cui è dedicato lo stadio di Vercelli. Lunedì 30, alle 12 a Larvik, le Azzurrine torneranno in campo contro la Norvegia.

Sono davvero felice per le ragazze e orgogliosa di tutte loro – le parole del tecnico Nazzarena Grilli -. Ho visto una prestazione di altissimo livello, in cui la squadra ha creduto fino alla fine di poter vincere e forse lo avrebbe anche meritato. Abbiamo subito un gol fortuito ma siamo state brave a reagire e a giocare un ottimo secondo tempo, contro una squadra composta da giocatrici classe 2000 e 2001 mentre noi abbiamo schierato anche tante 2003 e 2004. Ma più del risultato, che è comunque buono, è stata la prestazione a piacermi, sotto tutti i punti di vista: la Nazionale Under 23 è una vetrina importante, che aiuta questi talenti a essere presi in considerazione“.

ITALIA-INGHILTERRA 1-1 (0-1)
32′ pt aut. Massimino (IN), 20′ st Corelli (IT)

ITALIA (4-4-2): Forcinella; Santoro (38′ st Giordano), Massimino, Orsi, Robustellini; Monnecchi (38′ st Arcangeli), Gallazzi, Severini (25′ st Bellucci), Pfattner; Corelli (25′ st Bragonzi), Longo (9′ st Soffia). A disp.: Beretta, Gilardi, Battelani, Ferrara, Filangeri, Toniolo, Passeri. All. Grilli

INGHILTERRA: Rendell; Morris, Layzell, Steels, Pattinson; Kearns (28′ st Kendall), Mace, Grant (17′ st Blindkilde Brown); Salmon (17′ st Naz), Harries (17′ st Beever-Jones), Robinson. A disp.: Thomas, Stenson, Pike, Gregory, Denton, Filis, Bourne, Ross. All. Coates

ARBITRO: Scaffidi (Alba Bra)
ASSISTENTI: Algieri (Milano), Puerto (Gallarate)
IV UFFICIALE: Griffa (Alessandria)

L’Italia si è schierata con un centrocampo a quattro ma molto offensivo sulle corsie vista la presenza di Monnecchi e Pfattner; davanti, la coppia formata da Corelli e Longo. Avvio coraggioso da parte delle Azzurrine, anche se la prima occasione della partita è stata creata dall’Inghilterra con un tiro cross da destra di Morris, respinto con i piedi da Forcinella. Un altro cross, stavolta da sinistra di Pattinson, al 32′ è stato deviato da Massimino, con la palla che si è impennata ed è finita alle spalle di Forcinella. Ancora Inghilterra pericolosa tre minuti più tardi: fuga di Salmon sulla destra conclusa con un tiro alto. Nei minuti finali la squadra di Coates ha preso campo, sfiorando ancora il raddoppio con Grant: il destro della numero 10, però, non ha centrato la porta di Forcinella. L’ultima occasione ce l’ha avuta l’Italia con un sinistro debole di Monnecchi bloccato a terra da Rendell.

Di Pfattner la prima conclusione della ripresa, con la parata a terra di Rendell. Al 9′ il primo cambio di Grilli: fuori Longo, dentro Soffia. Al primo pallone, la giocatrice del Milan lanciata da Monnecchi ha calciato alto e, poco dopo, ha servito a Santoro un pallone che la giocatrice del Sassuolo ha messo a lato. Al 20′ il meritato pareggio dell’Italia: sul pallone in area di Pfattner, Corelli è stata bravissima a stoppare spalle alla porta e a girarsi prima di battere Rendell. Ancora Italia pericolosa poco dopo con un colpo di testa di Pfattner, prima di altri cambi di Grilli, che ha inserito Bellucci e Bragonzi per Severini e Corelli e poi anche Giordano e Arcangeli per Santoro e Monnecchi. Ma dopo un grande secondo tempo, nel recupero l’Italia ha rischiato la beffa: il tiro cross di Robinson, però, ha colpito il palo.

Fonte Figc Nazionali

You may also like

La Nazionale Femminile di Soncin si proietta verso Euro 2025: non solo le Azzurre, ma le Azzurrine nella loro totalità si candidano per diventare la stella polare della piramide rosa

Non solo le Azzurre di Andrea Soncin, che