Serie A Femminile, ‘poule salvezza’: il Pomigliano retrocede e il Napoli va allo spareggio

Il Pomigliano, ultimo in classifica, perde 2-0 sul campo del Como. Complice il pareggio del Napoli penultimo con il Milan, scivola a -4 dalle partenopee, condannandosi alla Serie B.

NAPOLI. È un pareggio d’oro quello centrato dal Napoli nella sfida casalinga con il Milan: l’1-1 conquistato nel finale al Piccolo di Cercola consente infatti alla squadra di Seno di accedere ai playout per mantenere la categoria, uno spareggio che disputerà con la seconda classificata della Serie B 23/24. Il match delle partenopee, già difficile sulla carta visto il livello e il rendimento recente delle avversarie di giornata (scese in campo, nel weekend in cui si celebra la Festa della Mamma, con i cognomi materni sulle maglie, esattamente come la squadra maschile nella sfida con il Cagliari), si complica in avvio. Dopo 11 minuti infatti Gallazzi, nel tentativo di respingere un cross di Cernoia, beffa Bacic di testa e manda avanti le rossonere. Il Diavolo sfiora il raddoppio due volte nei due minuti successivi, prima con Dubcova (conclusione murata dalla retroguardia campana) e poi con Asllani, che supera Pellinghelli con un tunnel e non trova il raddoppio solo per la provvidenziale chiusura di Di Marino. Le padrone di casa tentano di alzare il ritmo e al 17’ si fanno pericolose con del Estal: la spagnola cerca di angolare il pallone ricevuto da Chmielinski ma la sua incornata termina a lato. Poco prima della mezz’ora una serie di miracoli sotto porta nega il raddoppio alle undici di Corti: girata fulminea di Dubcova da dentro l’area ribattuta da Bacic, poi ci provano Piga, ancora Dubcova e infine Staskova, ma la retroguardia azzurra riesce a respingere anche gli altri tre tentativi. Milan in totale controllo, ma al termine del primo tempo si resta sull’1-0.

A inizio ripresa la prima giocatrice a proporsi in avanti è Lazaro, che calcia potente ma centrale, senza creare alcun problema a Giuliani. Al 56’ arrivano i primi cambi in casa rossonera, con Marinelli al posto di Staskova e Ijeh al posto di Asllani; quattro minuti più tardi è proprio l’ex Inter a divorarsi il 2-0: cross di Bergamaschi da destra respinto da Di Marino, la numero 70 del Milan mette giù il pallone in mezzo all’area ma non inquadra la porta da posizione invitantissima. Anche Seno opera qualche sostituzione (dentro Corelli e Giai per Giacobbo e Mauri), ma le padrone di casa non sembrano avere la giusta determinazione in attacco. L’inerzia della gara si interrompe bruscamente invece all’84’, quando Chmielinski dal limite trova un destro letale che trafigge Giuliani. Primo gol per la centrocampista tedesca nel campionato italiano, che diventa, con del Estal (nove), una delle due giocatrici del Napoli con più partecipazioni attive in questo torneo (otto per Chmielinski – oltre alla firma con il Milan anche sette assist). Nel finale è un assedio delle rossonere, che sfiorano il 2-1 al 95’ con un tiro-cross deviato di Soffia e lontano dall’incrocio dei pali di qualche centimetro.

Nonostante le molte occasioni create però, al triplice fischio festeggiano le partenopee, che grazie al punto conquistato staccano di quattro lunghezze il Pomigliano e guadagnano la chance di rimanere in Serie A accedendo allo spareggio con la formazione che chiuderà al secondo posto la Serie B corrente.

POMIGLIANO. Giocherà invece nel campionato cadetto la prossima stagione il Pomigliano, che in virtù della sconfitta in casa del Como non può più agganciare il Napoli (avversaria nell’ultimo turno di Serie A) al penultimo posto. Al Ferruccio, nella prima frazione di gara regna un vivace equilibrio, con qualche occasione per parte ma nessuna andata a buon fine. Le lariane però sbloccano il punteggio in avvio di ripresa: cross di Rizzon dalla trequarti e deviazione vincente di coscia di Martinovic, che sigla il quarto gol contro il Pomigliano in Serie A (più che con qualsiasi altra squadra per la classe ’93 da quando le Pantere militano nel massimo campionato – 21/22). La rete delle padrone di casa gela le granata di Carannante, che dopo lo svantaggio cedono il controllo del match alle rivali. Il Como ne approfitta e al 67’ raddoppia: traversone di Sevenius e incornata vincente di Karlernäs che termina alle spalle di Gavillet. Al minuto 83 le ospiti avrebbero l’occasione di accorciare le distanze con il calcio di rigore conquistato da Szymanowski (atterrata da Lipman), ma Rabot calcia centrale dagli undici metri e Korenciova risponde presente. Destino segnato per la formazione campana, che rimedia la 18ª sconfitta nel torneo e retrocede in Serie B dopo tre stagioni nel massimo campionato.

Fonte testo e foto: Figc Femminile

You may also like

A Coverciano – il 15 e 16 giugno – la ‘meglio gioventù’ del calcio femminile italiano: si gioca la fase finale del “Torneo Under 12 ”

Con la qualificazione del Napoli Femminile – che