Connect with us

Pubblicato

il

La Nazionale Femminile si è radunata ieri a Coverciano per iniziare la preparazione in vista dell’ultima e più importante partita dell’anno. Martedì 1 dicembre a Viborg (ore 17.15, diretta su Rai2) l’Italia sfiderà di nuovo la Danimarca capolista del girone che, grazie al successo ottenuto un mese fa a Empoli, è già certa di essere tra le 16 squadre che parteciperanno alla fase finale della competizioneLe Azzurre sono alla ricerca di un pass per il Campionato Europeo, che si disputerà in Inghilterra nel 2022.

“Tra sette giorni dovremo cercare di essere più attente, evitando di concedere campo alle danesi e approcciando la partita con più determinazione – ha dichiarato la Ct Milena Bertolini in conferenza stampa – A Empoli abbiamo come al solito tentato di fare la partita, affidandoci al palleggio e al nostro calcio propositivo. Il loro primo gol ci ha condizionato a livello emotivo e ci siamo un po’ impaurite. Risultato a parte, abbiamo ricevuto tante indicazioni importanti per il futuro”.

Vista la situazione degli altri gironi, all’Italia potrebbe bastare anche un pareggio. La Ct però, non vuole fare calcoli: “Affrontiamo tutte le partite con l’obiettivo di vincere, è chiaro che in Danimarca sarà importante fare punti, dovremo rimanere concentrate per tutti i 90 minuti senza preoccuparci dei risultati degli altri gironi”.

Reduce da un lungo infortunio che l’ha tenuta ai box per quasi due mesi, anche Sara Gama è tornata in gruppo, e con lei Alia Guagni, pronta a lottare per una maglia da titolare dopo un lungo periodo di quarantena.

“Avere il capitano e il vice capitano qui con noi è un fattore molto importante, ci tenevano tantissimo a esserci – ha concluso Milena Bertolini – Gama è reduce da un lungo stop, mentre Guagni nell’ultimo periodo non è purtroppo riuscita ad allenarsi con continuità, dovremo valutare le loro condizioni con attenzione”.

LEGGI QUI l’elenco delle 31 giocatrici convocate.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film