Connect with us

Pubblicato

il

La transizione verso il professionismo della Serie A rappresenta il punto di arrivo di una storia tanto bella quanto accidentata. Le falangi di ragazze che hanno calcato i campi di gioco, quando ancora erano riserva dei maschi nella fase pionieristica del calcio femminile, vedono la realizzazione di quello che per molto tempo è sembrato nulla più che un sogno. Un sogno utopico, per giunta.

Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita“. William Shakespeare lo fa dire a Prospero, nella prima scena del quarto atto della commedia teatrale ‘La tempesta’.

Per un tempo infinito il calcio femminile è stato forgiato nella stessa materia di cui sono fatti i sogni. L’approdo al professionismo è la prova provata che i sogni dovrebbero (devono) essere la stella polare da seguire, sempre e comunque. Il movimento raccoglie, hic et nunc, i frutti dei sacrifici di tante giocatrici che hanno sfangato per anni sui campi di tutta Italia.

Ancora oggi, le ragazze del calcio femminile continuano a essere mosse da una passione genuina. La stessa scaturita dalla lucida follia di alcune impavide pioniere. La memoria corre al Dick Kerr Ladies Football Club, antesignano di tutto quanto è successo dopo.

Siamo ormai quasi al termine di una stagione difficile, contrassegnata dalla disastrosa epidemia che ha condizionato le vite degli umani e costretto i club della Serie A a giocare in stati tristemente vuoti.

E però siamo anche in prossimità di una stagione cruciale, vale a dire quella che segnerà il passaggio epocale del calcio femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico. La materializzazione di un sogno. Perché le cose stanno così e la storia lo dimostra. Le ragazze del calcio sanno fare grandi sogni.

Aiutiamole a trasformarli in una realtà duratura e sostenibile (nella foto, “Fearless Girl”, Wall Street, New York).

…ho soltanto i sogni e i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi. Cammina con leggerezza, perché cammini sui miei sogni (William Butler Yeats)

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film