Connect with us

Pubblicato

il

Il calcio è uno sport bellissimo. Non a caso è quello più seguito al mondo. Il sistema corre il rischio, nella sua interezza, di uscire mortificato da una pandemia che ha radicalmente mutato le esistenze degli umani. Il senso di frustrazione e l’aria di disincanto si tagliano con il coltello, in questi tempi oscuri. Mettono a dura prova tutti i nostri “amori”, anche quelli in apparenza più consolidati.

Gli stadi vuoti nei quali è stata costretta a giocare la Serie A Femminile, sono la prova provata di un calcio che il coronavirus ha trasformato in un prodotto autoreferenziale tristemente confinato sugli schermi televisivi e ormai appannaggio – dal vivo – di un esiguo numero di addetti ai lavori.

Quando le cose cercheranno di tornare a una parvenza di normalità, il programmato passaggio dallo status dilettantistico a quello professionistico legato al decisivo impulso della Divisione Calcio guidata da Ludovica Mantovani e dalla Figc di Gabriele Gravina, dovrà però fare i conti (anche) con l’indifferenza del contesto. Il guado non sarà facile da attraversare, tenuto conto delle molteplici criticità che già affliggevano il sistema calcio femminile.

La speranza è che si concretizzi il tanto auspicato “risveglio” e che le paranoie connesse con la pandemia finiscano con il tempo per volatilizzarsi.

Occorrerebbe, anche per il calcio femminile, una sorta di Festa del Calendimaggio. Un rito antico che si celebrava il primo giorno di maggio, in modo particolare a Firenze, per inneggiare alla natura in fiore e alla bellezza delle fanciulle. Alle quali veniva offerto, in segno di devozione e di augurio, un ramoscello verde chiamato “maio”. Era il modo della gente di celebrare il risveglio della natura.

Sarebbe bello intravedere un Calendimaggio, in fondo al tunnel in cui si è infilato il calcio già prima della pandemia. Soprattutto per il versante femminile, popolato di ragazze entusiaste e appassionate >>> “Calcio Femminile, le ragazze fanno grandi sogni”.

L’auspicio è che, per buena suerte, la prossima cruciale stagione riservi a tutte un ramoscello verde per festeggiare la definitiva crescita del movimento.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi