Connect with us

Pubblicato

il

I tifosi della Florentia San Gimignano stanno ingoiando un rospo dietro l’altro. Va bene perdere, ma il modo in cui lo stanno facendo da un po’ di tempo a questa parte le giocatrici in maglia neroverde è veramente preoccupante. Anche indecoroso, a dirla tutta. Quattro sconfitte consecutive con un crescendo negativo di risultati (addirittura tennistici gli ultimi due), come certificano le 20 reti subite (in media ben 5 a gara!) a fronte delle 4 segnate.

Tutto inizia con la sconfitta a Barra con il Napoli Femminile per 3-1 (con doppietta dell’ex Isotta Nocchi che fa il bello e cattivo tempo), che dà l’innesco alla grande rimonta del club azzurro guidato in panchina da mister Pistolesi e nella stanza dei bottoni dal presidente Carlino.

Il successivo match, giocato nell’ex fortino del Santa Lucia con il Sassuolo Femminile della panchina d’oro Piovani, è un disastro cosmico. La gara finisce 5-1 a favore delle emiliane, che danno una strabordante prova di superiorità tecnico-tattica.

Seguono due trasferte in stile Caporetto. L’esito finale assomiglia piuttosto a quello di due set tennistici che a partite di calcio. Finisce 6-2 in casa dell’Empoli Ladies (con Spugna ancora in panchina) e 6-1 a Vinovo con la Juventus Women di Rita Guarino.

Una debacle dietro l’altra. Quella che era una delle migliori difese del campionato di Serie A è ormai ridotta a un tiro a segno. In avanti non bastano i gol di Melania Martinovic e di Sofia Cantore (sempre e regolarmente la migliore in campo) a raddrizzare una barca che fa acqua da tutte le parti.

Domenica arriva la Roma Femminile di Betty Bavagnoli, in forma a dir poco strepitosa. Il terrore dei tifosi neroverdi è di aggiungere alla lista perversa messa insieme fin qui, un altro risultato da far drizzare i capelli in testa. Una sorta di terzo set della partita da tennis che la Florentia sta giocando ultimamente.

E meno male che la squadra del presidente Tommaso Becagli si è salvata per tempo. Certo, un finale di stagione di questo tipo non è il miglior viatico per affrontare l’anno prossimo la difficile sfida del passaggio al professionismo della Serie A Femminile. O no?

Dov’è finita la combattiva Florentia che, soprattutto al Santa Lucia, stupiva tutti gli addetti ai lavori per grinta e voglia di vincere? Ai posteri l’ardua sentenza.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali11 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi