Connect with us

Pubblicato

il

Mauro Milanese, amministratore unico della Triestina, ha rilasciato un’intervista a TuttoC.com – portale dedicato ai club di Lega Pro – di cui riportiamo un interessante stralcio.

“Mi auguro che le squadre di calcio possano essere vaccinate. Basta un asintomatico in ritiro per infettare un intero gruppo. Uno dei requisiti della prossima stagione potrebbe essere vaccinare i giocatori dei club professionistici e i ragazzi dei settori giovanili nazionali. La Triestina ha già speso 160 mila euro tra tamponi e sanificazioni, oltre il disturbo dei controlli effettuati ogni due giorni. Non credo siano salutari tutte queste sollecitazioni al setto nasale. Mi auguro che dal prossimo anno si adotti una scelta diversa”.

Una proposta ragionevole e lungimirante, non solo in chiave Serie C ma anche per la Serie A Femminile.

La massima serie nazionale non può correre il rischio di una stagione 2021-22, tra l’altro preliminare al traghettamento della categoria verso il professionismo, nella situazione di precarietà e di incertezza che ha caratterizzato il torneo che sta per chiudersi.

A questo punto la palla passa alla Divisione Calcio Femminile guidata da Ludovica Mantovani che, con il nuovo Consiglio Direttivo, dovrà tracciare un percorso lineare verso la svolta epocale che attende la Serie A Femminile.

Ovviamente anche il presidente della Figc Gabriele Gravina, che sovrintende alla Divisione, è chiamato a dire la sua. Ci attendiamo anche da parte sua interventi e determinazioni all’altezza della situazione che si potrebbe prospettare già nel corso dei ritiri (luglio 2021).

Restiamo in attesa di risposte/provvedimenti conformi da chi occupa le stanze dei bottoni. La stagione 2021-22 deve iniziare nel segno della massima tutela per giocatrici, staff e club. Anche per consentire uno svolgimento regolare della competizione senza gli strappi che hanno caratterizzato il torneo che sta arrivando a fine corsa.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 giorni fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato4 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi