Connect with us

Pubblicato

il

Il Senato ha rinviato al 2024-25 l’entrata in vigore della Riforma dello Sport dell’ex ministro Spadafora (nella foto).

Il provvedimento tocca i due principali caposaldi della riforma (fonte di grande preoccupazione per tante società sportive):

a) congela la cancellazione del vincolo sportivo;

b) congela l’introduzione della contribuzione obbligatoria per i lavoratori sportivi con compensi superiori ai 10mila euro.

Molti temono che – con l’abolizione del vincolo sportivo – i costi per formare giovani atleti, nel calcio o nella pallacanestro come in tutti gli sport, non vengano poi recuperati dalle società sportive. Ciò potrebbe portare a un disimpegno sul fronte della formazione e dell’addestramento.

Anche per i cosiddetti collaboratori sportivi, l’introduzione della contribuzione obbligatoria avrebbe generato costi definiti insostenibili per molte società sportive dilettantistiche.

Il Sole 24 Ore rileva che per le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) salta la previsione del patrimonio minimo per l’acquisto della personalità giuridica. Ciò crea un ostacolo per le associazioni se vorranno diventare Ets (Enti del terzo settore).

Si sottolinea inoltre che, seppure l’operatività della Riforma dello sport sia stata differita per consentire eventuali decreti correttivi, lo scenario prospettato potrebbe rimanere invariato. Occorrerà perciò un intervento di raccordo tra le disposizioni del Cts e quelle della Riforma dello sport.

Si tratta ora di capire quali potrebbero essere i riflessi di questo provvedimento sulla transizione verso lo status professionistico dei club di Serie A Calcio Femminile – che sono a tutti gli effetti delle ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) – programmata per il 2022-23.

Fonte: Pianetabasket

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi