Connect with us

Pubblicato

il

Al termine della giornata di oggi sarà (forse) più chiaro l’orientamento della Divisione Calcio Femminile in materia di format dei nuovi campionati di competenza.

Il Consiglio Direttivo presieduto da Ludovica Mantovani, che resta comunque sotto l’ala protettiva della Figc di Gabriele Gravina, rivoluzionerà nell’Assemblea fissata per oggi i format della Serie A e della Serie B Femminili?

A questo proposito si sentono, come sempre accade, girare anticipazioni e strane voci messe in giro da chissà chi e per chissà che cosa. In quanto a noi facciamo spallucce e attendiamo, come doveroso, un comunicato ufficiale diffuso al termine dei lavori che sgombri il campo da ipotesi azzardate. Occorre procedere con la chiarezza necessaria quando si parla di una categoria come la Serie A Femminile, nei fatti già professionistica.

Crediamo, però, che una riflessione preliminare sia necessaria. Il fallimento in fieri – a livello economico e sportivo – delle serie professionistiche maschili è la prova provata che certi meccanismi contorti e aberranti non pagano a medio-lungo termine. Stella polare? La semplicità.

Secondo noi la formula attuale della Serie A Femminile, con appena dodici club iscritti, è fin troppo ristretta oltre che autoreferenziale. L’interesse da tutelare resta, sempre e comunque, quello dei tifosi Sono il centro di gravità permanente del sistema. Questa ristrettezza numerica mina la base del movimento, il pubblico negli stadi.

I tifosi non vanno mai tenuti ai margini del sistema. Il punto di partenza di ogni riforma del format non può e non deve essere la mera tutela autoreferenziale dei club, ma rispettare il contesto che tiene in piedi e dà valore sociale al prodotto calcio. Maschile o femminile che sia.

Per questa, e per altre ragioni, ci sembra cruciale soprassedere a pericolose emulazioni in negativo. Una visione corretta di futuro coincide con l’obiettivo di instradare da subito la Serie A e la Serie B Femminile verso circuiti virtuosi. Al riparo dai vizi capitali che hanno affondato i corrispettivi maschili.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film