Connect with us

Pubblicato

il

Alessandro Spugna, allenatore scuola Juventus, arriva alla Roma Femminile forte dell’esperienza maturata lo scorso anno sulla panchina dell’Empoli Ladies. Dopo il divorzio in corsa con la presidentessa Rebecca Corsi, il previsto approdo al club giallorosso.

Il suo ingaggio è stato fortemente caldeggiato dalla nuova Head of Women’s Football Betty Bavagnoli, coach del team capitolino dalla sua fondazione nel 2018. Un confronto che il tecnico torinese dovrà essere in grado di sostenere da par suo. Questo uno stralcio della sua intervista rilasciata a Il Messaggero

Partiamo dall’inizio, dalla chiamata della Roma.

Non me l’aspettavo. È stato motivo di grande soddisfazione e di orgoglio. Ma immediatamente dopo, passato quell’attimo, ho capito che avrei avuto un’enorme responsabilità. Sono in un club troppo importante“.

Primi giorni di ritiro: che squadra ha trovato? E soprattutto pensa che sia un organico pronto per andare a prendersi gli obiettivi?

Intanto ho trovato delle ragazze pronte. Che hanno evidentemente lavorato in vacanza e che hanno dimostrato in questo modo una grande professionalità. È stato un grande vantaggio poter partire da una condizione atletica soddisfacente. E nonostante alcune assenze che in questo momento abbiamo (Andressa è a Tokyo, Thaisa Moreno sta rispettando il periodo di quarantena facendo casa-lavoro all’Acqua Acetosa e Lazaro ha il Covid, ndr), credo che la rosa sia completa. Abbiamo messo i tasselli giusti per completarla e per renderla veramente competitiva

Che Roma sarà sotto il profilo tattico? L’anno scorso è stata una squadra brava a cambiare in corsa.

Penso di poter avere tante soluzioni, e non sono uno che parla di un sistema di gioco solo. Mi piace pensare che questa possa essere una squadra che può variare tanto, soprattutto in fase offensiva abbiamo delle calciatrici molto brave. Abbiamo delle idee di massima, ma pensiamo che in base alle gare che andremo ad affrontare, senza snaturare le nostre caratteristiche, riusciremo ad avere tante soluzioni. Con le qualità tecniche che ci ritroviamo dentro la rosa deve essere così“. 

Fonte intervista: Vocegiallorossa.it

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi