Connect with us

Pubblicato

il

La sconfitta per 2-0 significa l’esclusione dalla Women’s Champions League del Milan Femminile, a vantaggio dell’Hoffenheim (che ha concluso lo scorso campionato al terzo posto).

Al termine della partita, Maurizio Ganz ha fatto un’analisi sui canali ufficiali del club rossonero.

L’Hoffenheim è una squadra forte e lo ha dimostrato. Noi abbiamo tenuto loro testa: abbiamo avuto due o tre occasioni incredibili per stare ancora più in partita però loro sono state superiori a noi per il gioco. Ci siamo difese bene, siamo ripartite bene: queste partite ci fanno solo che crescere”.

“Innanzitutto ringrazio davvero le ragazze perché non era scontato vincere contro lo Zurigo e abbiamo fatto davvero un grande passo in avanti: era la nostra prima esperienza in Champions League, adesso testa al campionato perché vogliamo essere protagonisti”.

Abbiamo preparato la partita pensando a difenderci e riattaccare non con lanci lunghi ma con azioni manovrate. Lo abbiamo fatto ed è quello che deve rimanere in testa: i meccanismi di stasera saranno da riproporre in campionato. Vogliamo essere protagonisti, vogliamo fare qualcosa di straordinario: stasera ci portiamo un bagaglio importante a casa e queste sono partite che ci fanno capire che dobbiamo alzare il livello tecnico, tattico e fisico”.

Non dimentichiamoci la qualificazione in Champions raggiunta, non dimentichiamoci lo Zurigo: stasera l’Hoffenheim si è dimostrato più bravo di noi ma non vuol dire che non possiamo fare qualcosa di grande più avanti”.

“La consapevolezza è che siamo stati sempre in partita e abbiamo avuto una grande palla dentro all’area all’87’ che se fosse andata dentro chissà. Abbiamo sofferto ma hanno sofferto anche loro. Io credo che il clou della serata sia quando al triplice fischio ho visto tutta la squadra dell’Hoffenheim esultare in cerchio come se avessero vinto la Champions. Questo significa che avevano paura di noi e che hanno vinto, però soffrendo tutta la partita”.

Fonte Foto: TSG Hoffenheim Freuen Twitter

 

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni6 ore fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film