Nazionale Femminile, la ct Bertolini ne chiama 27 per Italia-Moldova

La Nazionale Femminile è pronta a tornare in campo per iniziare il percorso di qualificazione al Mondiale del 2023, a poco più di tre mesi dalla doppia vittoria nei test con Paesi Bassi e Austria. Domenica 12 settembre l’Italia si radunerà a Coverciano in vista dei primi due impegni nel gruppo G: venerdì 17 settembre il debutto con la Moldova allo stadio ‘Nereo Rocco’ di Trieste (ore 17.30, diretta su Rai 2), martedì 21 settembre la sfida con la Croazia in programma a Karlovac (ore 17.30).

Sono 27 le calciatrici convocate dalla Ct per le prime due uscite della stagione. Rispetto all’ultimo raduno le novità sono rappresentate Rachele Baldi e Gloria Marinelli. Faranno parte del gruppo anche il difensore classe 2000 Angelica Soffia, autrice di una doppietta contro le austriache e ormai entrata in pianta stabile nel giro della Nazionale maggiore, e Valeria Pirone, la cui esperienza con la maglia dell’Italia – prima della chiamata ricevuta a giugno da Milena Bertolini – si era interrotta nel 2011.

L’elenco delle convocate:

Portieri: Rachele Baldi (Roma), Francesca Durante (Inter), Laura Giuliani (Milan);

Difensori: Elisa Bartoli (Roma), Valentina Bergamaschi (Milan), Lisa Boattin (Juventus), Lucia Di Guglielmo (Roma), Sara Gama (Juventus), Martina Lenzini (Juventus), Elena Linari (Roma), Cecilia Salvai (Juventus), Angelica Soffia (Roma), Alice Tortelli (Fiorentina);

Centrocampiste: Arianna Caruso (Juventus), Valentina Cernoia (Juventus), Aurora Galli (Everton), Manuela Giugliano (Roma), Martina Rosucci (Juventus);

Attaccanti: Agnese Bonfantini (Juventus), Barbara Bonansea (Juventus), Sofia Cantore (Sassuolo), Valentina Giacinti (Milan), Cristiana Girelli (Juventus), Benedetta Glionna (Roma), Gloria Marinelli (Inter), Valeria Pirone (Roma), Annamaria Serturini (Roma).

Fonte testo e foto: Figc Femminile

 

You may also like

Nazionale Femminile U16, si gioca Italia-Olanda: le 20 convocate della ct Schiavi e il regolamento del Torneo Uefa

– TORNEO DI SVILUPPO UEFA. La Nazionale Under