Connect with us

Pubblicato

il

L’esonero di Manuela Tesse, dopo appena tre giornate e dopo aver traghettato il Pomigliano nella massima serie nazionale, è solo la punta di un iceberg?

Di sicuro è un segnale preciso, se si riflette sul fatto che il tecnico della squadra campana ha avuto la disavventura di incontrare subito due ‘grandi’ come Juventus Women e Roma Femminile. Nella gara con l’Empoli Ladies, che ha una rosa alla portata, la prestazione delle campane era stata volitiva. Tesse aveva portato a casa un punto quasi insperato, al termine di una prestazione collettiva degna di nota.

È un avviso ai naviganti. O, meglio, agli allenatori di altri club che hanno cominciato molto in salita un campionato che si prospetta difficilissimo e già spaccato in due.

Le tre retrocessioni dirette fanno paura, senza se e senza ma. Potrebbero indurre le dirigenze di quei club finiti in acque melmose a decisioni conformi a quella, molto dolorosa, presa dal presidente Pipola.

Una cosa è certa. Se il buongiorno si vede dal mattino, si fa per dire, ne vedremo delle belle. Sarà un torneo pieno di sorprese e di colpi di scena. I risultati in campo peseranno tantissimo. Anzi stanno già pesando. Chi resta indietro rischia di andare a fondo.

Dall’anno prossimo la Serie A Femminile entra nel professionismo. Le società ammesse saranno solo dieci. Ci sono un paio di panchine che traballano pericolosamente. Non ci saranno sconti per nessuno. Sarà lotta dura senza paura, per restare a galla.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi