Connect with us

Pubblicato

il

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza dei tempi di attuazione costituisce, tuttavia, un significativo fattore di criticità. Così pure la carenza, almeno allo stato delle cose, di coerenti linee guida istituzionali.

L’approssimarsi di un appuntamento tanto cruciale insinua ragionevoli dubbi fra gli addetti ai lavori, quanto meno tra i pochi che si occupano in modo non superficiale delle problematiche connesse a questa ipotesi di crescita del movimento.

La coesistenza nel sistema di un’anima (che di fatto era già) professionistica rappresentata da club cloni del corrispettivo maschile e di un’anima dilettantistica che ha fatto la storia del movimento femminile (sempre meno rappresentata nella massima categoria nazionale), consente una breve riflessione sulla rilevanza che rivestirà il capitale umano in questa fase di transizione ⏩ QUI.

L’anima dilettantistica del movimento femminile possiede – non fosse altro che per motivi storici –  capacità, competenze, conoscenze, abilità professionali e relazionali non facilmente sostituibili. Un patrimonio imponente, tale da determinare il risultato finale di qualsiasi progetto.

Anche se non possono essere misurate con metodologia scientifica le componenti del capitale umano dei club in cui prevale (prevaleva?) l’anima dilettantistica del movimento hanno a che vedere con la qualità delle prestazioni. Concorrono a qualificarne le potenzialità. Ne influenzano i risultati a medio-lungo termine.

Questo capitale umano è, in assoluto, qualcosa che non dovrebbe andare disperso. Un plusvalore che andrebbe gelosamente custodito, se si vuole davvero assicurare stabilità e sostenibilità al professionismo in fieri. Un fattore da tenere in debito conto, nel difficile percorso di attraversamento del guado al quale si appresta la Serie A Femminile.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali5 giorni fa

Nazionale, Serie A e professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

L’estate è torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa....

Nazionale6 giorni fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 settimane fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale3 settimane fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Calciomercato3 settimane fa

Serie A Femminile: il Parma mostra i muscoli e si candida come la sorpresa?

Il Parma inizia come meglio non sarebbe stato possibile la stagione che, in serie A Femminile, segnerà l’esordio del professionismo....

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza. Uso la...

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile, la Nazionale e l’Islanda: una questione di passione e di rispetto

Stasera la Nazionale femminile guidata dalla ct Milena Bertolini è chiamata a un esame di riparazione, dopo la pesante sconfitta...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi