Connect with us

Pubblicato

il

La Serie A femminile è davvero un’isola felice? È l’isola che non c’è di Peter Pan? Crediamo di si. Il movimento rosa ha reso concreta, nel tempo, quella che Eduardo Galeano chiamava “l’arte dell’imprevisto” del mondo pallonaro. È accaduto grazie a un filone inesauribile di belle ‘storie’. Scritte in un passato lontano, ma anche in un’epoca recente.

Queste belle ‘storie’ bisogna continuare a r accoglierle e raccontarle. Per il calcio femminile crescere significa anche riuscire a occupare uno spazio nell’immaginario collettivo, a catturare l’interesse della gente. Due fattori decisivi, a nostro parere, per assicurare una sostenibilità futura al movimento che sia non solo economica

Quando siete felici, fateci caso” è un libro di Kurt Vonnegut che ci aiuta – con una voce che resta modernissima nonostante il trascorrere del tempo – a leggere il mondo in maniera critica e anche rivoluzionaria ⏩ LinkedIn.

Per il sistema calcio femminile questa è una fase di felicità. La Serie A, finalmente, ha ampia visibilità televisiva (ma non ancora mediatica in senso lato). Si appresta ad attraversare il guado, epocale, verso il professionismo.

Quando le cose vanno bene e tutto fila liscio, fermatevi un attimo, per favore, e dite a voce alta: ‘Cosa c’è di più bello di questo?’ Fatene il vostro motto”, sostiene a ragione Kurt Vonnegut.

È quanto consigliamo di fare alla Serie A femminile. Raccontarsi, soprattutto alle giovani generazioni che rappresentano il futuro del calcio. Mescolarsi con la gente, per condividere la magia che ne sottende la storia.

Allora si che potrebbe diventare, per i tifosi e non solo, l’isola che non c’è. Quella che nel calcio maschile si è dissolta, travolta da un business sempre più iperattivo e intrusivo che ha frantumato tutti i fondamentali di questo sport bellissimo

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi