Connect with us

Pubblicato

il

Il presidente del Napoli, Raffaele Carlino, ha rilasciato una lunga intervista per spiegare quanto accaduto nella partita che la sua squadra ha perso al 98’ contro la Sampdoria Women. La riporta il sito napoli.zon.

Una gara segnata da una serie di episodi negativi, ritenuti a senso unico dal club, che hanno indotto la società azzurra a emettere un comunicato ufficiale di protesta molto equilibrato nei toni ➡️ QUI.

Qualcosa non quadra, non capisco cosa stia succedendo. Il movimento femminile non mi sta piacendo”, ha esordito Carlino. Poi si è sfogato, parlando a ruota libera.

Ha puntato il dito su quella che, al momento, è la principale criticità della Serie A. Una categoria proiettata dalla Divisione Calcio Femminile del presidente Ludovica Mantovani verso un professionismo altamente selettivo. Con un format a 10 sole squadre che, di fatto, potrebbe portare ad azzerare la partecipazione della componente dilettantistica al massimo campionato nazionale.

Invitiamo i lettori di Calciopress a leggerla integralmente ➡️ QUI.

È d’obbligo sentire sempre l’altra campana, quando si decide di intraprendere un percorso lungo il quale molti ci lasceranno le penne. Ci limitiamo a sottolineare due cruciali riflessioni del presidente Carlino.

✅ “Nessuno fa una dichiarazione a favore nostro. Siamo sfortunati a prendere arbitri che non sono all’altezza del professionismo? Allora che cambiassero atteggiamento oppure arbitri, visto che oggi il calcio femminile comincia a costare. Purtroppo non è una nostra colpa se non abbiamo il maschile e se chi ha il maschile non vuole fare il femminile, non capisco perchè deve essere una colpa di Carlino e soci

✅ “Lotteremo per rimanere in serie A, contro tutti e contro tutto. Per il ruolo che ho e per la società ci sarò fino a giungo. Poi, a giugno, tirerò le somme su ciò che significa calcio femminile. E ripeto il Napoli Femminile è uno dei pochi club che oggi ha vinto sul campo, non abbiamo comprato nessun titolo perche per me si vincono sul campo (ndr: chiaro il riferimento alla Samdoria Women che ha rilevato il titolo della Florentia San Gimignano). Se tutto questo deve essere penalizzato dai sacrifici fatti, di tasca nostra e da 14 anni consecutivi, mi dispiace andremo ad investire altrove, in uno sport più pulito dove rimangono i valori che fino a ieri hanno contraddistinto il calcio femminile”.

▶️ Ognuno potrà liberamente valutare il peso e il significato di queste (dolenti) affermazioni. Certo è che la perdita di un dirigente di grade profilo come Raffaele Carlino, che rappresenta da molti anni l’anima dilettantistica del movimento, sarebbe una grave perdita per il sistema e per la sostenibilità futura. In termini di capitale umano e di capitale economico.

▶️ Il fatto è che il calcio maschile naviga davvero in cattivissime acque. Potrebbe farcela a non tenere a galla neppure se stesso. Figurarsi una componente femminile “professionalizzata”, la cui gestione a medio termine rischia di diventare insostenibile.

👉🏼 Florentia San Gimignano: addio a un capolavoro calcistico

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi