Connect with us

Pubblicato

il

     Finalmente ci siamo, è davvero il caso di dirlo. Il professionismo della Serie A Femminile, pur con tutte le criticità che si porta dietro, è un traguardo meraviglioso per le falangi di ragazze che hanno impiegato 50 anni prima di vedere il fondo del tunnel.

     Nella fase pionieristica del femminile, questo sport bellissimo era una riserva dei maschi. Ma le ragazze sono, per natura, volitive e determinate. Hanno accettato una sfida che, soprattutto alle nostre (retrive) latitudini, sembrava quasi impossibile da vincere. È la realizzazione di quello che, per molto (troppo) tempo, è sembrato solo un sogno utopico.

     L’approdo al professionismo delle donne è la prova provata che i sogni dovrebbero (devono) essere in ogni caso, per gli umani, la stella polare da seguire. Il movimento raccoglie, hic et nunc, i frutti dei sacrifici di tante giocatrici che hanno sfangato per anni sui campi di tutta Italia. A loro le bambine che iniziano oggi a correre dietro a un pallone, debbono una profonda gratitudine

     Ancora oggi, le ragazze del calcio femminile restano speciali. Continuano a essere mosse da una passione genuina e incontaminata. Il Dick Kerr Ladies Football Club, antesignano di tutto quanto è successo dopo, continua imperterrito a manifestarsi. Soprattutto nelle categorie minori e nei settori giovanili. Un entusiasmo contagioso. Un patrimonio che non deve andare disperso.

     Le ragazze del calcio femminile hanno saputo fare grandi sogni. Hanno infine realizzato il sogno sognato delle sognatrici. Non si può che ammirarle, e amarle, per la tenacia che hanno dimostrato (nella foto: Giulia Giacobbo, con la maglia della scomparsa Florentia San Gimignano, con i capelli al vento nel giorno del suo esordio in serie A allo stadio Olimpico di San Marino).

Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita“.
(William Shakespeare, ‘La tempesta’)

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi