Le giallorosse impongono la loro gerarchia alle bianconere: Juventus-Roma Femminile termina 1-3

Niente da fare per la Juventus a Biella. La Roma di Spugna centra il sesto successo in sei partite e mantiene saldamente la testa della classifica. La supremazia del club giallorosso è certificata da un successo in trasferta, nella tana delle bianconere, che non ammette molte molte discussioni per le modalità con le quali si è dipanata la gara.

Al 27’ Roma in vantaggio. Solita azione dirompente della scatenata di Haavi sulla destra: la norvegese mette in mezzo un pallone inizialmente respinto dalla difesa bianconera ma, sulla ribattuta, il colpo di testa di Giugliano sblocca il risultato.

Al 50′ arriva il raddoppio, stavolta con Haavi che approfitta di un’incertezza difensiva di Cascarino. La giallorossa sradica l pallone alla juventina, non perdona e infila di piatto destro la porta avversaria. Al 56′ Viens timbra il tris per la squadra di Spugna. Stavolta l’incertezza è di Salvai e l’attaccante romanista Giacinti non perdona l’errore, lancia la sua compagna che di fatto chiude la gara.  Al 60′, sulla sua prima azione pericolosa della ripresa, la Juventus di Montemurro accorcia le distanze grazie a Grosso con un tiro di precisione calciato all’interno dell’area di rigore.

JUVENTUS-ROMA 1-3 (0-1)
27′ Giugliano (R) , 50′ Haavi (R), 56′ Viens (R), 60′ Grosso (J)

Juventus Women (4-2-3-1): Peyraud-Magnin; Boattin, Salvai (79′ Sembrant), Cascarino, Nilden (61′ Gama); Grosso, Caruso; Bonansea (61′ Cantore), Garbino (61′ Nystrom), Beerensteyn; Girelli.  A disp. Aprile, Toniolo, Palis, Thomas, Bellucci. All. Montemurro.

Roma Femminile (4-3-3): Ceasar; Di Guglielmo, Linari, Minami, Aigbogun; Greggi (73′ Feiersinger), Kumagai, Giugliano (84′ Tomaselli); Viens (62′ Glionna), Giacinti (84′ Kramzar), Haavi. A disp.: Korpela, Valdezate, Ciccotti, Latorre, Pellegrino Cimò. All. Spugna

You may also like

Campionato Serie A Femminile stagione 2024-25, adempimenti per l’iscrizione: – 3 giorni al termine perentorio di martedì 4 giugno

Le dieci società che hanno acquisito il diritto