Serie B Femminile nel mirino, riflettori puntati sul giovanissimo Cesena di Alain Conte

Si gioca oggi Cesena-Roma, ultima partita degli Ottavi di Finale della Coppa Italia rinviata per gli impegni in Champions della società giallorossa >> leggi.

È l’occasione migliore per puntare i riflettori sul club romagnolo, che sta facendo un grande campionato in Serie B. Attualmente le bianconere sono terze in classifica con 15 punti (5 vittorie e una sconfitta), staccate di tre lunghezze da Ternana e Lazio che viaggiano in testa alla classifica con il vento in poppa. Sopravanzano club blasonati come Parma, Hellas Verona, Genoa e Brescia. Un cammino strepitoso.

Gli elementi che hanno creato le basi per lo straordinario avvio di stagione del Cesena sono il legame con il territorio, la valorizzazione del vivaio e l’amore per il bianco e nero.

La classifica certifica l’ottimo lavoro della società e porta la firma di Alain Conte. Dopo la doppia storica promozione dalla Serie C alla A con la San Marino Academy – un’impresa che nel 2021 gli ha consentito di aggiudicarsi la Panchina d’argento – da questa estate il tecnico di Cervia (dove vive, ricoprendo anche la carica di consigliere comunale) guida la sua squadra del cuore.

Il calcio femminile è cambiato molto in questi 3 anni – ha dichiarato – specialmente la Serie B che è diventata un campionato estremamente competitivo e che lancia tantissimi talenti italiani”.

Con i suoi collaboratori, anche loro tifosissimi del Cavalluccio, Conte sta facendo emergere le enormi potenzialità del gruppo che ha un’età media di poco più di 20 anni. L’obiettivo del club, attivissimo in sede di mercato, è quello di migliorare il sesto posto conquistato nella passata stagione.

Per dei romagnoli allenare il Cesena in un campionato così competitivo è di certo un onore e una responsabilità che ci sentiamo addosso. Vogliamo riuscire a portare il nostro calcio e la nostra filosofia di gioco su tutti i campi, con personalità. Abbiamo ragazze che hanno grande voglia di emergere e fare bene e questo certamente è stimolante per me e per tutto lo staff”, precisa Conte

Oltre a capitan Casadei, che indossa la maglia bianconera da quando è nata la squadra femminile, si stanno mettendo in mostra Jansen e Sechi, entrambe a quota tre reti. Senza dimenticare le altre ‘marcatrici’ Catelli, D’Auria, Lonati e Risina.

Il mister, prima della sosta per le Nazionali e proprio contro le Titane – ha tagliato il traguardo delle 100 panchine tra Serie A, B e C. Il suo lavoro sta facendo crescere anche Bardi, Belloli, Bernabei, Conti e Monti (le cinque giovanissime cresciute nel vivaio e promosse dalla Primavera).

Fonte testo e foto: Figc Femminile

You may also like

La rappresentativa Under 15 e il “Progetto Calcio +15”, veri incubatori delle Nazionali Femminili Giovanili: lo stato dell’arte

La crescita delle Nazionali Giovanili Femminili passa attraverso