Serie A Femminile, tutti da vaccinare per il campionato

Calciopress ha già condiviso le voci che si stanno alzando da più parti e che vanno in una sola direzione >>> “Serie A Femminile 2021-22, serve una vaccinazione di massa?”

E però vogliamo rilanciare l’appello, perchè il tempo è tiranno. Certe decisioni, per essere efficaci, vanno prese da subito. Non sono ammessi attendismi. La Serie A Calcio Femminile non può correre il rischio di giocare un’altra stagione lunga e travagliata come quella che sta per chiudersi.

Il campionato 2021-22 dovrà fin dall’inizio proteggersi dalle situazioni di precarietà e di incertezza che il coronavirus ha determinato quest’anno. Uno stress infinito per staff e giocatrici. Senza contare le Aree Sanitarie dei club, tenute costantemente in scacco dal virus. Sempre sotto pressione, con il rischio di commettere errori.

La Divisione Calcio Femminile (guidata da Ludovica Mantovani) e il nuovo Consiglio Direttivo sono chiamati a tracciare un percorso lineare e salvifico in questo ambito. Invitiamo anche il presidente della Figc Gabriele Gravina, che sovrintende alla Divisione, a dire la sua.

Occorre ripartire nel segno della massima tutela per giocatrici, staff e club. È fondamentale che tutti siano vaccinati per conseguire uno svolgimento regolare della competizione. Senza gli strappi che hanno caratterizzato il torneo ormai a fine corsa.

Vaccinare tutti. È l’unica soluzione possibile per mettersi al riparo da un altro campionato vissuto sull’orlo di una crisi di nervi

You may also like

Sassuolo Femminile, le due deludenti sessioni di calciomercato affossano Piovani?

I numeri non mentono mai. Il Sassuolo di