Connect with us

Pubblicato

il

Il report Uefa sull’impatto economico che il Covid-19 ha avuto sul calcio professionistico europeo, dimostra in modo chiaro e forte che la crisi economica è ormai di tipo strutturale e inciderà profondamente sul futuro di questo sport >>> “La crisi sanitaria mette al tappeto il calcio professionistico”.

La ripresa delle attività calcistiche in fase post-pandemica non sarà affatto semplice nè tanto meno automatica. La crisi ha colpito duro a tutti i livelli. Gli investimenti non potranno essere quelli di prima. La partecipazione della gente sarà condizionata da un disagio economico che sta pericolosamente lievitando e avrà profonde ricadute a livello sociale.

I fattori che hanno inciso su questo crollo sono molteplici e tutti di difficile soluzione. Proviamo a fare una breve sintesi.

– Chiusura degli stadi. L’UEFA, passando in rassegna i 711 club della massima serie, ha precisato che i ricavi da ticketing dovrebbero diminuire tra i 3,6 e i 4 miliardi di euro in totale. Profetizzare il ritorno a stadi pieni è davvero prematuro e potrebbe restare nel libro dei sogni.

– Ricavi commerciali e ricavi da Diritti tv. Sempre secondo il report Uefa i ricavi commerciali – nelle due stagioni di riferimento (2019-20 e 2020-21) dovrebbero diminuire tra i 2,4 e i 2,7 miliardi di euro. I diritti televisivi saranno tagliati all’interno di una forbice compresa fra 1,2 e 1,4 miliardi di euro. Le rinegoziazioni sono già in corso per ridurli di 700 milioni di euro a partire dal 2021 per le emittenti UEFA e le cinque leghe principali.

– Stipendi. Durante il periodo d’oro di crescita ventennale del calcio professionistico europeo, gli stipendi dono lievitati al punto da assorbire più del 60% delle entrate. Un rapporto significativamente più alto di qualsiasi altro settore, osserva il report UEFA. In quanto ai giocatori – che sono il cuore del sistema e hanno il coltello dalla parte del manico – hanno fatto solo uno sforzo modesto di fronte alla crisi economica indotta dalla pandemia. I club hanno risparmiato circa due miliardi di euro in totale.

– Flusso di cassa. Per quanto riguarda il flusso di cassa, una questione chiave visti gli alti livelli di debito nel settore, l’UEFA si aspetta che circa 120 club europei siano a “rischio esistenziale”. Gli altri compenseranno le loro perdite prendendo di nuovo in prestito o chiedendo più soldi ai loro proprietari.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi