Connect with us

Pubblicato

il

Calciopress è nato nei primi anni duemila per seguire le vicende della serie C. Il terzo campionato professionistico nazionale è stato una scuola di vita. La narrazione delle sue variegate e drammatiche vicende, nel corso degli anni, è stato un training importante per tutti noi della redazione.

Con questo carico di storie alle spalle, non sempre cristalline, Calciopress ha deciso di aprirsi al pianeta calcio femminile. Ne ha apprezzato  le dinamiche fin qui incontaminate, la passione dei protagonisti a tutti i livelli (giocatrici comprese), la possibile costruzione di modelli territoriali innovativi, l’anima dilettantistica che ha portato il movimento al punto in cui adesso si trova.

Accade però che le cose cambino molto in fretta. Anche in un calcio femminile che si credeva al riparo da certe contaminazioni. L’aziendalismo, incurante delle dinamiche emozionali che sono il pilastro del mondo pallonaro, si sta facendo travolgere dal business. In questa direzione va oggettivamente il progetto di una Serie A Femminile a circuito chiuso. Dal 2022-23 i club ammessi saranno appena dieci.

Un circolo elitario con pochi soci privilegiati. Una soluzione che potrebbe tagliare le gambe a tutto il resto del movimento, cancellare le favole che alimentano questo sport, frapporre ostacoli insuperabili lungo il cammino dei pochi mercanti di sogni ancora in circolazione.

In questo pianeta sempre più kafkiano il vero pilastro restano i tifosi. Anche loro, però, stentano a comprendere dinamiche distorte che li stanno trasformando in canne al vento. Il compito degli  addetti ai lavori è informarli, in modo martellante, sullo stato delle cose. Renderli partecipi delle criticità del sistema e, nel contempo, artefici di un cambiamento epocale che non può che partire dalla fondamenta. I tifosi vanno sempre e comunque coinvolti. Rappresentano il lato più etico del calcio. Un’ancora di salvezza alla quale appigliarsi per sperare in un futuro sostenibile.

Con questo spirito e con queste premesse Calciopress si appresta a seguire le dinamiche della Serie A Femminile e le sue oggettive criticità. In una fase storica cruciale che segnerà il passaggio (forse troppo affrettato) allo status professionistico.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film