Serie A Femminile: per scudetto e Champions è una questione a due?

La classifica della Serie A Femminile parla chiaro, quando mancano sei giornate alla fine del campionato. È chiaro che può succedere di tutto, ma i punti a disposizione per le squadre in lotta per i primi due posti del torneo sono sempre meno.

Inutile perdere tempo per dare un’occhiata al calendario, visto che nelle ultime giornate molte delle previsioni della vigilia sono saltate (Lazio-Sassuolo e Milan-Napoli sono paradigmatiche in questo senso). A questo punto ogni gara fa storia a parte.

Resta il fatto che per i primi due posti utili, quelli che assegneranno lo scudetto e l’accesso alla Champions come seconda in graduatoria, la lotta sembra ormai ristretta a Juventus Women (41) e Roma Femminile (38).

Le altre contendenti sembrano fuori gioco. Il Sassuolo Femminile di Piovani (35) soffre in modo terribile la perdita di Sofia Cantore, come Calciopress aveva predetto in tempi non sospetti ▶️ “Il Sassuolo è Cantore dipendente?”. A questo si assomma il problema di una panchina troppo corta (emersa in tutta la sua rilevanza nella netta sconfitta a Formello con la Lazio Women.

Il Milan Femminile (33) sembra ormai fuori gioco, sia per il distacco sia per il gioco espresso (contro il Napoli Femminile è parso davvero poco convincente). Ganz ormai punta tutte le sue carte sulla conquista della Coppa Italia Femminile.

You may also like

Women’s Champions League: per Juventus e Roma due trasferte davvero complicate

Juventus e Roma, dopo il doppio 1-1 ottenuto