Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica.

La seconda anima del calcio femminile, di fatto, rappresenta la storia vivente di questo movimento. La coesistenza di questi due mondi, è stato correttamente osservato, se narrata e promossa in modo corretto può rappresentare un enorme valore aggiunto per il Campionato di Serie A Femminile >>> “La serie A Femminile verso il professionismo, una sfida complicata”.

In questa ottica, considerato che i club femminili “cloni” del calcio maschile non devono affrontare un problema di questo genere, per le società di origine dilettantistica si pone una questione centrale in prospettiva futura. Vale a dire la creazione di un Centro Sportivo al quale tutti i vari settori del club (Prima Squadra, Primavera, settore giovanile in senso lato) possano afferire, per non affrontare una diaspora logistica che rappresenta un freno rilevante per la crescita del movimento.

La costruzione di un proprio Centro Sportivo non è un progetto utopistico, soprattutto se appoggiato dalle Amministrazioni Locali (Comune e Regione). Con le opportune sinergie, occorre assai molto meno tempo di quanto non si possa credere.

Esattamente come lo sviluppo del Settore Giovanile e la cultura dei vivai >>> LEGGI QUI, anche la creazione di un Centro Sportivo riveste almeno una duplice valenza.

La prima di tipo tecnico perché il CS diventa il punto di riferimento della Prima Squadra ma anche, e soprattutto, delle squadre giovanili. Esse disporranno di campi e di strutture qualificate (mensa, foresteria e quant’altro), la cui funzione aggregante è fuori dubbio.

La seconda di tipo societario. Disporre di un Centro Sportivo è, per una società calcistica femminile, una forma di risparmio e una forma d’introito. Consente di ospitare formazioni straniere o italiane, anche maschili e non solo femminili, per la preparazione pre-campionato come pure di competizioni e/o singole gare.

Si tratta di un modo di capitalizzare forse poco diffuso. Non solo per la sua lungimiranza, ma anche perché può esser arduo coordinarne la costruzione.

Per il resto i vantaggi di avere un proprio Centro Sportivo, per un club della serie A Femminile e in generale per il territorio al quale afferisce, sono incommensurabilmente superiori agli svantaggi.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Off Side20 ore fa

Serie A Femminile, stadi vuoti e pesci rossi

La Serie A Femminile si avvia verso la conclusione di un campionato giocato a porte chiuse. Un vero e proprio...

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film