Pomigliano Femminile? Una mina vagante nel campionato di Serie A

Alzi la mano chi pensava, dopo sei partite di campionato, che la Lazio Femminile si sarebbe trovata sul fondo della classifica con zero punti e che il Pomigliano Femminile sarebbe riuscito a metterne insieme già sette. Per di più con una partita ancora da recuperare. Vale a dire quella in casa della Sampdoria Women, sospesa per il maltempo (sarà ripresa e conclusa giovedì prossimo).

La partita di oggi a Formello dà tutte le risposte del caso. Le biancocelesti, che presentavano in panchina il nuovo allenatore Catini in sostituzione della esonerata Morace, sono passate in vantaggio. Ma, seppure in superiorità numerica, si sono fatte rimontare dalle campane di mister Domenico Panico autrici di una prestazione di gran temperamento.

Il Pomigliano viene da una splendida storia di calcio femminile, che merita di essere raccontata e ricordata ogni volta che si può ▶️ QUI.

Non è certamente una meteora. È una squadra con le spalle larghe. Ha dato vita in estate a una campagna acquisti oculata e lungimirante ▶️QUI.

I risultati sul campo stanno a dimostrare che le giocatrici del presidente Pipola puntano a diventare la mina vagante di questa stagione. Occhio a questo Pomigliano. Abbiamo a che fare con un club che potrebbe fornire ancora molte sorprese, in un campionato combattuto e complicato come quello che stiamo vivendo.

👉 Il calcio femminile ha bisogno di belle storie da raccontare

You may also like

Angela Passeri, la ‘stakanovista’ della Serie A Femminile: a 18 anni sempre in campo con il Pomigliano

Angela Passeri, di professione difensore, è nata il