Champion’s Women, la Juventus liquida la pratica Zurigo (5-0): ma ora c’è la montagna Lione

La Juventus, con il 5-0 allo Zurigo, ha raggiunto l’obiettivo della sua serata: arrivare alla sfida decisiva contro il Lione della prossima settimana con ancora la possibilità di accedere ai quarti di finale della UEFA Women’s Champions League.

La vittoria delle francesi a Londra contro un’Arsenal che ha perso per infortunio Vivianne Miedema rende però più difficile la missione che attende le campionesse d’Italia, costrette a vincere sul campo delle ultime regine d’Europa per confermarsi tra le prime otto dopo lo straordinario risultato dello scorso anno.

In una partita il cui inizio è stato posticipato di 45 minuti per permettere agli addetti al campo di liverare il prato dello Juventus Stadium dalla neve, non c’è stata storia, con il risultato che si è sbloccato dopo neanche due minuti con un colpo di tacco di Girelli da centro area su angolo di Caruso. Dopo un brivido per Peyraud-Magnin (palo esterno di Pilgrim), la Juve ha raddoppiato con un gol direttamente da corner di Boattin, con il velo di Beerensteyn che ha ingannato Friedli. Prima dell’intervallo è arrivato anche il secondo gol di giornata di Girelli, con un rigore a cucchiaio conquistato da Beerensteyn.

Imprendibile l’olandese, protagonista al 57′ anche dell’azione del poker, con un pallone servito a Bonansea, che a sua volta ha fornito l’assist per la tripletta a Girelli, che si è ripetuta ancora dal dischetto due minuti più tardi (penalty conquistato di nuovo da Beerensteyn). Unica nota negativa per la squadra di Joe Montemurro, proprio l’infortunio all’ex attaccante del Bayern Monaco.

UEFA WOMEN’S CHAMPIONS LEAGUE
Gruppo C – Quinta giornata
JUVENTUS-Zurigo 5-0
Arsenal-Lione 0-1
Classifica: Arsenal, Lione 10; JUVENTUS 8; Zurigo 0

Fonte testo e foto: Figc Femminile

You may also like

Serie A Femminile, al via il 16-17/3 la seconda fase del campionato: esce il calendario delle due poule ‘scudetto’ e ‘salvezza’

È stato pubblicato dalla Divisione Calcio femminile Professionistica